Warning: Declaration of YOOtheme\Theme\Wordpress\MenuWalker::walk($elements, $max_depth) should be compatible with Walker::walk($elements, $max_depth, ...$args) in /web/htdocs/www.elleboroeditore.com/home/wp-content/themes/yootheme/vendor/yootheme/theme-wordpress/src/Wordpress/MenuWalker.php on line 8

Per l'acquisto dei libri con la relativa shopper in omaggio si prega di effettuare un bonifico pari al prezzo del libro più 3 euro di spese di spedizione intestato a

Elleboro Editore srl

IBAN: IT63J0200802452000104940016

Appena riceveremo l'importo sarà nostra cura effettuare la spedizione presso l'indirizzo che ci indicherete nel seguente modulo

Ho letto e accetto Termini e condizioni

Home / tutti i post / Milano dicono di lei. Recensione de Il Giornale

Milano dicono di lei. Recensione de Il Giornale


Milano dicono di lei Il giornale
La recensione de Il giornale

UNA GUIDA LETTERARIA

Milano non esiste  ma per gli scrittori é persino bella

Luigi Mascheroni

C’é un poeta milanese, fra i più celebrati della sua generazione, che per anni ha passato l’agosto in città, ogni estate prenotando un alberghetto in un quartiere diverso, cosi da girarselo a piedi in lungo e in largo per un mese: negozietti, chiesette, cortili, viuzze, piazze… E anche così che si conosce Milano. Dicono che Milano sia bellissima, e non solo da oggi, che sia elegantemente internazionale sull’onda lunga dell’Expo: Porta Nuova, i grattacieli delle archi-star, la Fondazione Prada di Rem Koolhaas, la nuova Darsena, la Feltrinelli di Herzog&deMeuron, il Bosco Verticale, il Mudec…

Dicono di lei che sia sempre stata bella, solo un po’ nascosta.

Poeti, viaggiatori, filosofi, scrittori, artisti l’hanno (de)scritta e celebrata: «Dicono di lei» che sia una città letteraria, oltre che lavorativa. «Dicono di lei» che le citazioni letterarie, i versi, le cronache e le illustrazioni dedicate a Milano, dall’Impero Romano al web, siano moltissime. «Il catalogo (ragionato) é questo». B del resto Wolfgang Amadeus Mozart – prima di scrivere il Don Giovanni, però – a Milano abitò, compose, studiò, frequentò gli ambienti giusti, si divertì.

Comunque. La guida Milano. Dicono di lei, sottotitolo «La città nella letteratura» (Elleboro editore, pagg. 426, euro 14, a cura di Lorenzo Notte) é un dettagliatissimo florilegio di parole degli scrittori, da Bonvesin della Riva ad Aldo Nove (da leggere la sua descrizione della fascistissima, splendida, monumentale, Stazione Centrale), secondo un preciso stradario poetico-letterario della città.

Stendhal, Savinio e le dichiarazioni d’amore

L’introduzione è affidata alle grandi dichiarazioni d’amore per Milano, firmate Stendhal (Ho adorato e adoro ancor una donna chiamata Mille-ans»), Savinio, Verga (“la città più città d’Italia, detto da un siciliano che oggi voterebbe Lega, e anche Gaetano Afeltra, che era di Amalfi, la adorava). Shelley, Dickens, Rilke… Dopo, ecco la sosta da Cova con Hemingway (“romanticismo in Galleria), “la Scala e il suo mito”, “La città di ringhiera”, “la sirena della fabbrica” tra il ponte della Ghisolfa e Testori, poi i garbugli e le banche (“Affari in Piazza”), le vie dei poeti (da Petrarca a Montale) e quelle dell’editoria (milano è la capitale dell’editoria), le “Strade di piombo” (Piazza Fontana, Pinelli, la P38, il passamontagna e via De Amicis…), i non-luoghi di Milano (milano, come sanno tutti i milanesi, non esiste: lo capì benissimo Filippo Tommaso marinetti, che da Alessandria d’Egitto venne ad abitare in via Senato: luci al neon e pubblicità luminose, è una vetrina, un acquario, un non-luogo privo d’identità. e poi non è stato Aldo Nove a scrivere Milano non è Milano?), fino alla metropoli calibro 9: “I romanzi criminali da Scerbanenko a Pinketts”.

Dicono di lei che sia bellissima.

Ultimamente un pò rifatta. Me si tiene bene, è sempre elegante, alla moda. Chi non uscirebbe una sera per leggerle qualcosa? Gadda, Gatto, Bianciardi, Ceronetti…

 

 

Testata:

Follow Us on Instagram

via di Gaibola 17/3 40136 Bologna
p.iva 03646591200